Animaker 2.0 beta – recensioni per copywriter

animaker logo
Animaker è un ottimo programma di animazione, adesso ancora più intuitivo grazie alla versione 2.0: ecco i dettagli che possono interessare ai copywriter.

ti piace? condividi!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

A un copywriter che opera in ambito digitale non si sa mai cosa possa venir richiesto. Animaker 2.0, attualmente in fase beta, è uno di quei programmi che secondo me è sempre tenere a portata di mano, specie se si gestiscono profili social e bisogna creare al volo testi con grafiche accattivanti.

Questa nuova versione migliora di molto alcune funzioni e ne aggiunge di nuove.

Animaker 2.0 si rifà il trucco: la nuova interfaccia

L’interfaccia di Animaker 2.0, di base, non differisce dalla precedente versione. Il cambiamento maggiore è a livello strutturale, visto che finalmente si è passati da Flash ad HTML5. I vantaggi sono fin troppo evidenti: adesso è possibile usare il programma con profitto anche su browser diversi da Chrome, e in generale è tutto molto più fluido.

Solo la timeline non mi ha convinto, visto che la divisione tra gestione delle scene e degli elementi su schermo è un po’ complicata da comprendere, almeno all’inizio. Il numero dei template ancora è basso, anche se penso verrà rimpinguato quando uscirà la versione finale.

Thumbnail di gran lusso con Picmaker

Cari youtuber, mettete da parte Canva o Adobe Spark: il vostro prossimo programma per creare thumbnail è Picmaker. Fa parte proprio della suite di Animaker 2.0, anche se purtroppo è ancora in Flash. È un software molto completo e intuitivo, con diversi template già pronti, sia per Facebook che per Youtube.

Non mancano le funzioni sfiziose, come la possibilità di scontornare le foto e di aggiungere una traccia esterna, in modo simile a quanto accade su Photoshop.

animaker 2.0 picmaker
l’interfaccia di Picmaker

Piu props, personaggi e azioni concatenate

Nella maggior parte dei programmi di animazione “user-friendly”, da Powtoon in poi, i personaggi su scena possono compiere un solo gesto per volta. Per cambiarlo, l’animazione deve “staccare”, e ricominciare daccapo. L’unico software che offre qualcosa di più complesso, in questo senso, è Toonly, che però manca di molte altre funzioni.

La situazione cambia con Animaker 2.0, che ora dà modo di creare sequenze di azioni concatenate. Il processo è un filino macchinoso, almeno le prime volte, ma tutto sommato è un ottimo passo in avanti.

Sono presenti, poi, tanti personaggi in più, totalmente personalizzabili, oltre che un sacco di sfondi, preset di testi ed elementi secondari.

I personaggi personalizzabili di Animaker 2.0

La cosa forse che sorprende di più è che con Animaker 2.0 è possibile creare da zero il proprio personaggio. Si può scegliere tra infinite combinazioni di capigliature, forme del volto, vestiti, accessori e via dicendo (i vestiti ancora non sono tantissimi, a dire il vero).

Una volta creato, il personaggio è liberamente utilizzabile nei propri progetti, può prodursi in azioni ed espressioni. E grazie al sistema integrato di voice over, è possibile anche farlo parlare. Si può usare il text-to-speech incorporato (che è lo stesso del vecchio Animaker, quindi buono tanto quanto), o caricare un doppiaggio già pronto.

prezzi animaker 2.0
i prezzi degli abbonamenti di Animaker 2.0

I nuovi piani di abbonamento di Animaker 2.0

La versione 2.0 di Animaker propone soluzioni abbastanza interessanti sul fronte dei prezzi. C’è la versione gratuita, che offre molti oggetti e personaggi, e consente di esportare gratuitamente in 720p con watermark. Poi c’è un interessantissimo abbonamento da 1 dollaro al mese, con il quale è possibile esportare un progetto senza watermark ogni 30 giorni, e in generale si ha a disposizione un maggior numero di elementi con cui lavorare. Per i progetti seri, invece, c’è la versione Business, da $ 59, che dà accesso ai video in 2K – niente 4K, e questo fa un po’ storcere il naso.

Diciamo che le scelte, rispetto ai prezzi della versione “vecchia” di Animaker, sono più radicali, nel senso che mancano le fasce intermedie da $ 19 e $ 35, che potevano tornare particolarmente utili, almeno per un singolo mese.

[AGGIORNAMENTO]: i prezzi di Animaker 2.0 sono cambiati rispetto a quando ho scritto questa recensione. Al momento si può optare per il piano gratuito, che consente il download gratuito (con watermark) di cinque video al mese. Poi sono stati introdotti due abbonamenti da $ 19 e $ 39. Per i dettagli ti rimando al sito ufficiale.

Serve a un copywriter? POTREBBE

Animaker è un programma che mi è sempre piaciuto, più di Powtoon. Alcune innovazioni della versione 2.0 funzionano già molto bene, tipo Picmaker, altre mi lasciano un po’ perplesso, come la nuova timeline. Scegliere di offrire solo due tipi di abbonamenti a pagamento, poi, è sicuramente una mossa coraggiosa, se non azzardata.

In ogni caso, chi ha a che fare con social media di ogni genere e ha clienti che apprezzano i contenuti animati, potrebbe dargli un’occhiata. Per farlo, basta iscriversi alla fase beta collegandosi al sito ufficiale di Animaker 2.0.

Cose buone:

  • Picmaker è un ottimo generatore di thumbnail
  • Finalmente in HTML5
  • Personaggi personalizzabili

Cose non buone:

  • La nuova timeline è un po’ ostica
  • I prezzi degli abbonamenti potrebbero far storcere il naso
  • Ancora non ci sono tantissimi template
Articoli correlati

Sai che forse potrebbero interessarti anche questi post?

Animaker 2.0 beta – recensioni per copywriter